Gli oneri finanziari ci danno l’immagine del grado di dipendenza nei confronti dei finanziatori e ci consentono di comprendere gli effetti sulla redditività.

Ci sono due indicatori interessanti: (oneri finanziari/fatturato)*100 e (oneri finanziari/indebitamento)*100

Il primo indice normalmente non dovrebbe superare le soglie del 3,0% più ci si allontana dal 3% e si va verso 4%,5%, 6%… e peggio è . Tenuto conto anche del diverso grado di fabbisogno di capitale investito, nelle imprese commerciali questo indicatore dovrebbe dare un risultato più basso che in quelle industriali. Il rapporto oneri finanziari /indebitamento è importante per capire il “prezzo” applicato dalle banche all’azienda e quindi implicitamente il rating bancario. In questo momento questo indicatore non dovrebbe superare il 2,0%-2,50%.

Facciamo un esempio: L’azienda “A” fattura intorno ai 5 milioni di euro e utilizza molto i conti anticipi. L’utile della gestione caratteristica risulta insufficiente a coprire tutti gli oneri finanziari e le imposte. Il suo rating bancario non è positivo. Inoltre tutte le linee a breve (fido di cassa e conto anticipi) sono a revoca o a scadenza. Ciò significa che annualmente le banche rivedono i dati e decidono se confermare le linee o meno. Quindi che fare?

L’azienda continua a cercare nuovo fatturato per poi finanziarsi con gli anticipi.Quindi oltre al controllo periodico delle condizioni applicate dalla banche è stata impostata un’azione di rivisitazione del ciclo produttivo con l’obiettivo di aumentare i margini e controllare maggiormente i costi fissi. Si è operato sui fornitori/clienti (anche sui tempi di pagamento). Inoltre è stato impostato un lavoro importante sui flussi di cassa in modo da “prevedere” le fasi di maggiore criticità (stagionalità). Queste operazioni portando al miglioramento del risultato operativo, hanno poi permesso di avere nel tempo più liquidità a disposizione per poter gestire meglio i pagamenti e di conseguenza migliorare i flussi finanziari senza ricorrere al 100% di anticipo sul fatturato, in modo anche di diminuire gli oneri ed interessi bancari.

Pin It on Pinterest